Sesto al Reghena (PN), 15 gennaio 2018

ANTICORRUZIONE, TRASPARENZA, FOIA E WHISTLEBLOWING
NELLE NUOVE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE. PROFILI ISPIRATIVI ED OPERATIVI.

QUOTE DI PARTECIPAZIONE (clicca qui)

RIVOLTO A:
Amministratori, Revisori dei Conti, Segretari Generali, Dirigenti, Funzionari e Operatori Uffici Tributi e Finanziari, Società 100% pubbliche Enti Locali, Società e Soggetti privati.

in collaborazione con

Comune di
SESTO AL REGHENA (PN)
15 GENNAIO 2018
Sala Giuseppe Mariani
Hotel In Sylvis
P.zza Aquileia, 15
SESTO AL REGHENA (PN)

CAPIENZA SALA: 120 POSTI
 
 
Il Corso è fortemente innovativo poiché accanto agli aspetti normativi, pone attenzione agli aspetti organizzativo-aziendali, sociologici e psico-sociali del fenomeno della corruzione e su come ed in che modo tale fenomeno abbia tale pregnanza e status nel nostro Paese. Ciò alla “ardita” ricerca di una via d’uscita, con l’aiuto della migliore letteratura dei Padri Costituenti, delle magistrature, degli studi di Harvard e degli organismi internazionali, passando per la filosofia classica. Saranno dunque riportati gli studi statistici della Corte dei Conti ponendosi a paragone con le politiche (vittoriose) anticorruzione e di trasparenza pubblica degli altri Paesi. Si passerà all’analisi della scelta dialettica della commistione di regole giuridiche ed organizzativo-aziendali. Il relatore proporrà alla platea, metodologie pratiche mutuate dalla scienza aziendalista che possano affiancare lo strumentario stesso offerto in via diretta dalla norma. Si aprirà dunque l’analisi dell’articolato della L.190/2012 riformulato vigorosamente dal D.Lgs. 97/2016. Sarà affrontato nel dettaglio procedurale e nelle insidie interpretative, il nuovo volto dell’Accesso Civico (c.d. Freedom Of Information Act – FOIA) e le riformulazioni del testo originario del D.Lgs. 33/2013 in direzione di (apparente) efficientamento della trasparenza pubblica attraverso l’ermeneutica delle Linee Guida ANAC (Delibere 1309 e 1310 del 28 ottobre 2016) e delle istruzioni tecniche fornite dall’ANCI che recepiscono la ratio sottesa al parere del Consiglio di Stato sullo schema del D.Lgs. 97/2016. Si porrà poi attenzione alle fattispecie di  reato introdotte e/o riformulate dalla Legge 190/2012, dalla L. 69/2015 e dal recente D.Lgs. 38/2017  Si indagheranno alcune modifiche del Codice Antimafia, con particolare riguardo alla neo-introdotta confisca dei beni agli indiziati dei delitti di corruzione. Informando l’esegesi ai dettami del N.P.A. (New Public Management) si affronterà lo studio del caso organizzativo privatistico esemplare, del Manuale Anticorruzione della Universal Corporation (società privata con sede negli USA). Si procederà pertanto all’analisi del Codice di Comportamento dei dipendenti pubblici. In particolare si studieranno le interessanti osservazioni poste al testo del Codice da parte del Consiglio di Stato e non accolte in sede redazionale. Saranno quindi analizzati i targets strategici del Piano Nazionale Anticorruzione 2013, dell’Aggiornamento 2015 e del recente Piano Nazionale Anticorruzione 2016 (G.U. suppl.ord. n°35 del 24.8.2016). La spinta d’analisi delle modalità d’esercizio dei controlli ANAC diverrà potentemente pragmatica attraverso l’esame delle Delibere nn.328, 329 e 330 del 2017. Sarà successivamente affrontato lo studio del c.d. Whistleblowing e si analizzeranno le recentissime novelle contenute nella proposta di legge n°3365-B, approvata in via definitiva il 18 ottobre 2017.

 

PROGRAMMA

Ore 9,00
Apertura dei lavori

Saluti
Amministrazione Comunale
Giuseppe VIT (Componente Giunta Esecutiva A.N.U.T.E.L.)

Ore 9,30
Inizio della relazione

 

 

Relatore:
Pietro Alessio PALUMBO (Esperto di anticorruzione - Avvocato - Funzionario amministrativo gestionale (fregiato d' encomi) - Specialista in Dir. Amm.vo e Scienza dell'Amministrazione - Membro Staff Riviste giuridiche - Collaboratore di cattedre universitarie - Docente A.N.U.T.E.L.)

Legge n°190/2012 e anticorruzione: aspetti definitori sul piano sociologico. Tra etica, libertà e diritto, il traguardo pedagogico-culturale auspicato.
Aspetti definitori sul piano giuridico: focus sulla metrica redazionale adottata.
La scelta della commistione di regole giuridiche ed organizzativo-aziendali.
Focus sul tessuto aziendalista d’ispirazione.
Analisi dell’articolato della Legge 190/2012 riformulato dal D. Lgs. 97/2016.
Il nuovo volto della Trasparenza e dell’Accesso Civico (FOIA) dopo il D.Lgs. 97/2016 e le pesanti critiche. Le istruzioni operative ANCI e Linee Guida ANAC (Delibere 1309 e 1310 del 28 ottobre 2016).
In particolare: fattispecie di reati, condotte punibili e le novità introdotte in materia dalla L. 69/2015 e dal D.Lgs. 38/2017 (G.U. 30 marzo 2017 - entrata in vigore il 14 aprile 2017). Le modifiche al Codice Antimafia: la confisca dei beni agli indiziati dei delitti di corruzione.
I protagonisti istituzionali e quelli sociali.
I codici di comportamento dei dipendenti pubblici.
I piani triennali di prevenzione della corruzione.
segue: rapporti con la trasparenza pubblica e con i piani triennali della performance.
La Determinazione ANAC n. 12 del 28 ottobre 2015 - Aggiornamento PNA 2015; Il PNA 2016 e la recentissima Delibera n° 1208 del 22 novembre 2017, depositata presso la segreteria del Consiglio il 4 dicembre 2017 Aggiornamento 2017 al Piano Nazionale Anticorruzione; spot light sugli Atenei (la comparazione/conflitto tra Linee guida ANVUR e PNA ANAC 2017).
Le nuovissime Linee Guida ANAC sugli adempimenti anticorruzione e per la trasparenza delle società e degli Enti di diritto privato controllati e partecipati da Amministrazioni Pubbliche e degli Enti Pubblici economici (Delibera 1134/2017 - G.U. 5 dicembre 2017).
Le Delibere ANAC nn. 328, 329 e 330 del 29 marzo 2017 - (G.U. del 19.04.2017):
i Regolamenti sui controlli ANAC in materia di inconferibilità e incompatibilità d’incarichi e rispetto delle regole di comportamento; in materia di obblighi di pubblicazione; in materia di prevenzione della corruzione.
Spot light sul Whistleblowing; le recentissime novelle di cui alla L. 179/2017 (proposta di legge n°3365-B, approvata in via definitiva il 18 ottobre 2017) - G.U. n°291 del 14 dicembre 2017 (vigente dal 29 dicembre 2017).
Timing e modalità operative.
Problem finding e collaudo pratico.

 

Ore 13,00
Pausa
Ore 14,30
Ripresa dei lavori
Ore 16,30
Chiusura lavori


Al fine di garantire una migliore organizzazione, è preferibile inviare la scheda di prenotazione entro giorno 8 gennaio 2018 e comunque nei limiti di capienza della sala.

 

QUOTE DI PARTECIPAZIONE

TIPOLOGIA ASSOCIATIVA MODALITA' DI PARTECIPAZIONE QUOTA DI PARTECIPAZIONE
QUOTA "B"e"C" PARTECIPAZIONE GRATUITA SENZA LIMITI
(in regola con le quote associative fino al 2017*)
GRATUITA
QUOTA "A/PLUS" PARTECIPAZIONE GRATUITA PER N°1 PARTECIPANTE
(n°2 Bonus annuali )
€ 50,00 dal 2° partecipante
QUOTA "A"   € 50,00 a partecipante
 
NON ASSOCIATI   € 150,00 a partecipante
 
SOCIETA' E SOGGETTI PRIVATI   € 150,00 + Iva a partecipante
*Gli Enti associati non in regola con il versamento delle quote associative fino alla seconda annualità antecedente quella in corso non avranno diritto alla formazione gratuita sino alla regolarizzazione della posizione. Fermo restando che nei corsi ove è previsto il pagamento gli Enti associati potranno partecipare versando la quota dei non soci. Per maggiori informazioni è possibile contattare la Segreteria dell’Associazione ai seguenti recapiti Tel. 0967-486494 email iniziative@anutel.it”.
Il pagamento dovrà essere effettuato a ricezione della fattura, esclusivamente sulle coordinate indicate.
Per gli Enti Locali la quota è esente IVA, ai sensi dell'art. 10, D.P.R. n. 633/72 (e successive modificazioni)
Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell'art.3 Legge 13.08.2010, n. 136

 

ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE

A conclusione dei lavori verrà inviato l'attestato di partecipazione, identificato con il relativo numero di protocollo, direttamente sulla email indicata in fase di prenotazione.

COLAZIONE DI LAVORO

È prevista la colazione di lavoro ad un costo convenzionato di € 20,00, a persona, a carico dei partecipanti, presso il ristorante "Abate Ermanno" dell'Hotel In Sylvis - Via Friuli, 2. La direzione del ristorante rilascerà apposita ricevuta.

E' COMUNQUE OBBLIGATORIO COMUNICARE ENTRO E NON OLTRE 3 GIORNI PRIMA DELL'INCONTRO EVENTUALE MANCANZA DI PARTECIPAZIONE E/O DISDETTA DELLA COLAZIONE DI LAVORO A:
Sede Nazionale: Tel. 0967.486494 - fax 0967.486143
Sede Secondaria di AMELIA: Tel. 0744-978165 - fax 0744-978834