Monte San Savino (AR), 24 ottobre 2017

ASPETTI TEORICI E PRATICI DELLA TASSA SUI RIFIUTI

QUOTE DI PARTECIPAZIONE (clicca qui per i costi)

RIVOLTO A:
Amministratori, Revisori dei Conti, Segretari Generali, Dirigenti, Funzionari e Operatori Uffici Tributi e Finanziari, Società 100% pubbliche Enti Locali

 

In collaborazione con 24 OTTOBRE 2017
Palazzo Galletti - Gamurrini
P.zza Gamurrini, 16
MONTE SAN SAVINO (AR)

CAPIENZA SALA: 100 POSTI

 

Comune di
MONTE SAN SAVINO

 
L'entrata in vigore dell'Imposta Unica Comunale (IUC), avvenuta nel 2014, ha segnato una nuova tappa nel processo di riforma del prelievo destinato al finanziamento del servizio di gestione dei rifiuti. Dopo il lungo periodo caratterizzato dalla sovrapposizione di prelievi tra loro differenti per tipologia e per natura (tarsu, tia1 e tia2) ed il caos normativo verificatosi con l'esperienza della tares nel 2013, la IUC ha portato all'introduzione di un nuovo tributo, la tassa sui rifiuti (TARI), destinato a soppiantare tutti i regimi previgenti.
Tuttavia, anche quest'ultimo pare destinato ad essere solo un'ulteriore tappa, piuttosto che il punto di arrivo, del processo di riforma che, secondo le intenzioni del legislatore già palesate nella legge di stabilità 2014, dovrebbe portare all'adozione in tutti i comuni di un modello unico di prelievo avente natura corrispettiva.
L'obiettivo del corso è quello di esaminare tutti i principali elementi che caratterizzano il rapporto tributario, fornendo, oltre al loro esame giuridico, anche numerosi esempi pratici, con l'approfondimento delle fattispecie più diffuse.
La giornata vuole rappresentare, quindi, un momento formativo volto sia a fornire le necessarie basi normative ed interpretative della materia, anche alla luce delle più recenti modifiche, ma anche,  e soprattutto, teso a chiarire i dubbi applicativi pratici che gli operatori incontrano nella gestione quotidiana.
Nel corso della giornata, che vuol rappresentare come al solito un'importante occasione di incontro e di confronto, sarà lasciato ampio spazio ai quesiti dei partecipanti.

 

PROGRAMMA

Ore 9,00
Apertura dei lavori

Saluti:
Mario Daniele ROSSI (Direttore Ufficio Tributi del Comune di Arezzo - Presidente Regionale A.N.U.T.E.L. per la Toscana)

Ore 9,30
Inizio della relazione

 

Relatore:
Stefano BALDONI (Responsabile Area Economico-Finanziaria e Tributi del Comune di Corciano (PG) - Vice Presidente e Docente A.N.U.T.E.L.)

Inquadramento normativo del tributo
I soggetti passivi
L’oggetto del tributo
Le esclusioni dal tributo

L’applicazione del tributo sulle attività economiche
- rifiuti speciali non assimilati
- rifiuti assimilati alla luce delle facoltà attribuite dal DL 16/2014
- la tassazione dei magazzini
- gli imballaggi

I criteri di commisurazione della superficie tassabile
La classificazione delle utenze domestiche e non domestiche ai fini del tributo: casi pratici
La decorrenza del tributo e la cessazione dello stesso: decesso del contribuente, fallimento, liquidazione, società cancellate
Le riduzioni e le esenzioni dal tributo
Il tributo sulle istituzioni scolastiche statali
Il tributo temporaneo
I criteri di determinazione delle tariffe

- il metodo normalizzato
    - la determinazione dei costi del servizio ed il piano finanziario – costi standard
    - l’accantonamento al fondo svalutazione crediti e la sua relazione con il fondo crediti di dubbia esigibilità
    - i costi del servizio a consuntivo
    - la struttura delle tariffa
    - le fasi operative per la costruzione della tariffa
        - l’individuazione dei costi fissi e di quelli variabili
        - i criteri di riparto dei costi del servizio tra le utenze
        - l’effetto delle riduzioni/esenzioni/agevolazioni sui costi
        - il calcolo delle tariffe ed i criteri di scelta dei coefficienti, la motivazione della scelta e le possibili deroghe
- il criterio alternativo per il calcolo delle tariffe
    - la definizione dei costi del servizio
    - le possibili soluzioni: la definizione dei coefficienti di produttività qualitativi e quantitativi
    - le problematiche ed i vantaggi operativi

La riscossione del tributo e gli affidamenti esterni alla luce delle nuove regole del D.L. 193/2016
La tariffa corrispettiva alternativa alla TARI e la futura evoluzione verso il modello corrispettivo
Il regolamento del tributo
Il funzionario responsabile e l’accertamento
Cenni sul ravvedimento, le sanzioni e gli altri istituti deflattivi del contenzioso nella TARI

 

Il Coffee Break è gentilmento offerto dal Comune

Ore 13,00
Pausa
Ore 14,00
Ripresa dei lavori
Ore 16,30
Chiusura lavori

 

Al fine di garantire una migliore organizzazione, è preferibile inviare la scheda di prenotazione entro giorno 17 ottobre 2017 e comunque nei limiti di capienza della sala.

 

QUOTE DI PARTECIPAZIONE

TIPOLOGIA ASSOCIATIVA MODALITA' DI PARTECIPAZIONE QUOTA DI PARTECIPAZIONE
QUOTA "B"e"C" PARTECIPAZIONE GRATUITA SENZA LIMITI
(in regola con le quote associative fino al 2016*)
GRATUITA
QUOTA "A/PLUS" PARTECIPAZIONE GRATUITA PER N°1 PARTECIPANTE
(n°2 Bonus annuali )
€ 50,00 dal 2° partecipante
QUOTA "A"   € 50,00 a partecipante
 
NON ASSOCIATI   € 150,00 a partecipante
 
*Gli Enti associati non in regola con il versamento delle quote associative fino alla seconda annualità antecedente quella in corso non avranno diritto alla formazione gratuita sino alla regolarizzazione della posizione. Fermo restando che nei corsi ove è previsto il pagamento gli Enti associati potranno partecipare versando la quota dei non soci. Per maggiori informazioni è possibile contattare la Segreteria dell’Associazione ai seguenti recapiti Tel. 0967-486494 email iniziative@anutel.it”.
Il pagamento dovrà essere effettuato a ricezione della fattura, esclusivamente sulle coordinate indicate.
Per gli Enti Locali la quota è esente IVA, ai sensi dell'art. 10, D.P.R. n. 633/72 (e successive modificazioni)
Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell'art.3 Legge 13.08.2010, n. 136

 

ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE

A conclusione dei lavori verrà inviato l'attestato di partecipazione, identificato con il relativo numero di protocollo, direttamente sulla email indicata in fase di prenotazione.