Mentana (RM), 10 settembre 2019

MEPA E SBLOCCA CANTIERI:
GESTIRE GLI APPALTI DOPO LA CONVERSIONE IN LEGGE

QUOTE DI PARTECIPAZIONE (clicca qui)

RIVOLTO A:
Amministratori, Revisori dei Conti, Segretari Generali, Dirigenti, Funzionari e Operatori Uffici Tributi e Finanziari, Società 100% pubbliche Enti Locali, Società e Soggetti privati.

 

In collaborazione con 10 SETTEMBRE 2019
Sala Biblioteca
"Palazzo Crescenzio"
Via Crescenzio, 11
MENTANA (RM)

CAPIENZA SALA: 50 POSTI

 

Comune di
MENTANA

 

Il decreto legge denominato “Sblocca Cantieri” ha rivoluzionato in molti punti il vecchio impianto legislativo. Il Corso ha per obiettivo di formare i discenti in modo pratico e diretto per poterli fare operare nella legalità evitando ogni tipo di contenzioso.
Ci sono diverse modifiche che hanno interessato anche le procedure tramite mercato elettronico: l’obbligo di utilizzare il MePA per appalti di valore superiore a 5.000 Euro non prevede eccezioni neanche se il mercato tradizionale risultasse più conveniente e con lo “sblocca cantieri” ha subito diverse modifiche operative.
Il corso illustra la disciplina introdotta dal nuovo Codice D.Lgs 50/2016 fino alle norme dello Sblocca Cantieri che ha modificato gran parte del Codice.


 

PROGRAMMA

Ore 9,00
Apertura dei lavori

Saluti:
Amministrazione Comunale
Ada GARA (Responsabile Ufficio Entrate dei Comuni di Mentana e Fontenuova)
 

Ore 9,30
Inizio della relazione

 

Relatore:
Giovanni Luca LECCISOTTI (Funzionario e Formatore di Enti Locali)
 

CORSO PRATICO OPERATIVO SULLE MODIFICHE AL CODICE APPALTI
 

LE MODIFICHE DELLO SBLOCCA CANTIERI
- Il regolamento d'attuazione manda in soffitta le linee guida dell'Anac
- Esclusioni e ammissioni: decade l'obbligo di pubblicazione dei provvedimenti
- Anticipazione del 20 per cento del valore del contratto anche per i professionisti
- Viene meno l'obbligo per i comuni non capoluogo di ricorrere a centrali di committenza
- Offerta economicamente più vantaggiosa se c'è contenuto tecnologico e innovativo
- Rafforzato l'appalto integrato per progetti approvati entro il 2020
- Commissari di gara, sospensione fino al 2020
- Cause di esclusione, spunta il mancato pagamento di imposte, tasse e contributi
- Subappalto nel limite del 40 per cento dell'importo
- Affidamento diretto dei lavori, cancellata la deroga introdotta dalla legge di Bilancio 2019

LA NORMATIVA IN MATERIA DI ACQUISTI
- Le novità in materia
- La redazione degli atti dirigenziali
- L’iter delle corrette procedure
- I possibili errori dei RUP
- Esempi pratici.

L'OBBLIGO DI UTILIZZO DEL MEPA
- Gli obblighi di utilizzo del Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA) e degli altri mercati elettronici per gli Enti Pubblici.
- Conseguenze e sanzioni in caso di violazione dell'obbligo.
- Le deliberazioni della Corte dei Conti in materia di obbligo di utilizzo del Mercato Elettronico: l’ipotesi di mitigare l’obbligo per contenere la spesa pubblica.
- Le prime sentenze del T.A.R. sull’obbligo di utilizzo del MePA.
- Le circostanze in cui l'obbligo non è efficace.
- Esempi pratici di inefficacia dell’obbligo e necessità di uscire dal MePA.

LA DISCIPLINA DEL MEPA ATTRAVERSO I BANDI: I BENI E I SERVIZI ACQUISTABILI
- Il Bando: i requisiti dei Fornitori e le categorie merceologiche in cui è organizzato il Mercato Elettronico.
- Il Capitolato Tecnico: i requisiti dei soli beni e servizi che possono essere acquistati.
- Individuare i beni e i servizi che devono essere acquistati fuori dal Mercato Elettronico.
- Le Condizioni Generali di Contratto e la possibilità di derogare ad esse.
- Le responsabilità di Consip e degli Enti.
- La prima sentenza del T.A.R. sulla legittimità degli acquisti in relazione all’oggetto dell’appalto ed alla lex specialis del MePA.

LE PROCEDURE DI ACQUISTO SUL MERCATO ELETTRONICO (ART. 36, ART. 57 E ART. 60 D.LGS. 50/2016)
- Le novità introdotte dal D.Lgs. 50/2016 inerenti il MePA.
- L'affidamento Diretto realizzato tramite Ordine Diretto.
- L'Affidamento Diretto realizzato tramite la Richiesta di Offerta.
- La procedura aperta realizzata tramite Richiesta di Offerta rivolta a tutte le Imprese.
- La Procedura Negoziata realizzata tramite la Richiesta di Offerta.
- Come eseguire le procedure di acquisto impiegando gli strumenti Richiesta di Offerta e Ordine Diretto di Acquisto.

 IL CONFRONTO CONCORRENZIALE DELLE OFFERTE NEL CATALOGO
- Le regole da rispettare perché il confronto concorrenziale sia eseguito correttamente.
- I parametri oggetto di confronto.
- Come affrontare i casi in cui l’Ordine Diretto non è efficace e il Fornitore può comunicare il "rifiuto".

LA RICHIESTA DI OFFERTA CHE REALIZZA LA PROCEDURA APERTA
- Le specifiche dei beni e dei servizi oggetto della Richiesta di Offerta.
- I requisiti dei soggetti che possono partecipare.
- La scelta dell’importo a base di gara.
- La pubblicità della Richiesta di Offerta.
- Che cosa si deve fare se la Richiesta di Offerta va deserta.

RICHIESTA DI OFFERTA CHE REALIZZA LA PROCEDURA NEGOZIATA
- Come realizzare una Procedura Negoziata tramite una Richiesta di Offerta.
- I metodi legittimi per scegliere le Imprese da invitare (art. 36 D. Lgs. 50/2016).
- Che cosa si deve fare se la Procedura Negoziata va deserta.

L'AFFIDAMENTO DIRETTO
- Come realizzare un Affidamento Diretto tramite un Ordine Diretto.
- Come realizzare un Affidamento Diretto tramite una Richiesta di Offerta.

ESEGUIRE UNA RICHIESTA DI OFFERTA
- La scelta del criterio di aggiudicazione.
- La scelta dei criteri di valutazione delle Offerte.
- La definizione dei requisiti tramite la "scheda tecnica" prevista dal sistema.
- La definizione dei requisiti tramite un capitolato tecnico.
- La selezione delle Imprese da invitare alla RdO secondo le opzioni proposte dal MePA: RdO aperte a tutti i Fornitori, elenchi di Fornitori, indicazione di singole Imprese, area di interesse, sede legale.
- Le RdO a riga unica nei casi previsti da Consip e in quelli non ancora previsti.
- Gli errori più comuni da evitare per lanciare una RdO esente da vizi.
- Esempi pratici di creazione di Richiesta di Offerta legittime.
- Esempi di Richieste di Offerta viziate o illegittime presenti sul MePA.
- La valutazione delle Offerte ricevute.
- L’aggiudicazione e la stipula del Contratto.

La formazione in materia di appalti pubblici non è sottoposta ai tetti di spesa di cui all'art.6, comma 13 del D.L. 78/2010, qualora essa sia compresa nella formazione obbligatoria prevista nel piano triennale anticorruzione del singolo ente. In tale ipotesi, essa rientra nella fattispecie della formazione obbligatoria ai sensi della 190/2012.

 

Ore 13,00
Pausa
Ore 14,00
Ripresa dei lavori
Ore 16,30
Chiusura lavori


Al fine di garantire una migliore organizzazione, è preferibile inviare la scheda di prenotazione entro giorno 3 settembre 2019 e comunque nei limiti di capienza della sala.

QUOTE DI PARTECIPAZIONE

TIPOLOGIA ASSOCIATIVA MODALITA' DI PARTECIPAZIONE QUOTA DI PARTECIPAZIONE
QUOTA "B"e"C" PARTECIPAZIONE GRATUITA SENZA LIMITI
(in regola con le quote associative *)
GRATUITA
QUOTA "A/PLUS" PARTECIPAZIONE GRATUITA PER N°1 PARTECIPANTE
(n°2 Bonus annuali )
€ 50,00 dal 2° partecipante
QUOTA "A"   € 50,00 a partecipante
 
ENTI LOCALI E SOGGETTI
CHE HANNO ACQUISTATO L'ACCESSO AL SITO
  € 100,00 + Iva (se dovuta **) a partecipante
ENTI LOCALI NON ASSOCIATI   € 150,00 a partecipante
 
SOCIETA' E SOGGETTI PRIVATI   € 150,00 + Iva a partecipante
*Gli Enti associati non in regola con il versamento delle quote associative non avranno diritto alla formazione gratuita sino alla regolarizzazione della posizione. Fermo restando che nei corsi ove è previsto il pagamento gli Enti associati potranno partecipare versando la quota dei non soci. Per maggiori informazioni è possibile contattare la Segreteria dell’Associazione ai seguenti recapiti Tel. 0967-486494 email iniziative@anutel.it”.
Il pagamento dovrà essere effettuato a ricezione della fattura, esclusivamente sulle coordinate indicate.
** Per gli Enti Locali la quota è esente IVA, ai sensi dell'art. 10, D.P.R. n. 633/72 (e successive modificazioni)
Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell'art.3 Legge 13.08.2010, n. 136

 

ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE

A conclusione dei lavori verrà inviato l'attestato di partecipazione, identificato con il relativo numero di protocollo, direttamente sulla email indicata in fase di prenotazione.